Dopo tanti anni in Unipol, e due auto rubate, ho deciso che forse era meglio aumentare la sicurezza dell’auto, anche a scapito della privacy e allora, anche in vista di un grosso sconto sulla polizza tanto decantato dal mio assicuratore, ho deciso di mettere la famosa scatoletta Unibox. Vi racconto la mia esperieza, e spero vi possa essere utile, perchè sembra sempre tutto bello, conveniente e fatto per i nostri interessi…ma poi bisogna vedere bene se è così.

Innanzitutto esiste una sola scatola nera UniboxASSOLUTAMENTE NO, esistono 2 tipologie di Unibox. Una si monta anche da soli e si collega alla batteria con due fili ed è ASSOLUTAMENTE INUTILE ai fini di prevenire un ipotetico furto, tanto è vero che il mio assicuratore mi disse ” lascia perdere, non serve a niente. ” Capirete che collegare un gps con due fili sopra la batteria non serve a nulla perchè si apre il cofano, si stacca e si va via. Poi invece esiste la Unibox che si installa vicino alla presa OBD2 dell’auto e per arrivarci almeno si deve tirare via un pannello, disinstallarla e “dovrebbe” dare maggiori garanzie ma non è una grossa garanzia. Chi di professione ruba auto per vederle a pezzi, non si lascia certo scoraggiare da questa scatolina.

Come si monta? Al momento della stipula della polizza l’assicuratore seleziona una cerchia di officine autorizzate al montaggio vicino all’indirizzo di residenza e chiede quale è quello più comodo per noi. Scelto il centro autorizzato al montaggio, si chiama e si prende appuntamento. Se si opta per il modello che si monta sulla batteria in genere dicono che lo puoi fare anche tu ma comunque sia ci si può recare al centro autorizzato per farlo montare.

Quanto tempo ci vuole? Ci vogliono pochi minuti per il montaggio ma in genere dicono di ripassare dopo mezzora.

Come funziona? Questa è una domanda complessa. L’app si scarica facilmente da Google Store o dall’Apple Store, ci si registra inserendo i propri dati e il numero di polizza e il gioco è fatto. Troveremo una schermata con le polizze attive e i servizi telematici e proprio tramite questi vedremo le informazioni che riguardano: Posizione del veicolo, Percorrenze e Accensioni ma è inoltre possibile impostare un avviso per il superamento dei limiti di velocità e per l’allontanamento dell’auto da una zona selezionata.
Vediamo il funzionamento nel dettaglio:
Accensioni: dopo 5 accensioni il servizio si disattiva automaticamente e devi stare sempre li a riattivarlo, se ci si ricorda di farlo se no ce ne accorgiamo dopo settimane.
Avviso limite di velocità: non funziona, non c’è modo di farlo funzionare, non che serva a molto, ma ad esempio un amico con Viasat riesce a monitorare il limite di velocità dell’auto e quando si presta l’auto è molto utile.
Avviso allontanamento auto: non funziona, questo avviso dovrebbe essere utile in caso che l’auto venga trainata via o in qualche modo spostata fuori dalla zona selezionata ma proprio non funziona.
Posizione Auto: il posizionamento dell’auto funziona bene, sbaglia di un paio di numeri civici, a volte anche di qualche isolato ma comunque sia funziona bene.
Percorrenze: funziona ma si aggiorna di settimana in settimana

Un grosso sconto sulla polizza? ASSOLUTAMENTE NO. Se la Unibox comporta uno sconto che non solo copre le 59 euro semestrali di canone ma anche un grosso risparmio sulla polizza, com’è possibile che anche senza Unibox si paga uguale o addirittura meno? Semplice, si deve sempre guardare sempre la polizza e gli sconti applicati. La Unibox garantisce uno sconto sulla polizza acquistata e uno sconto sul rinnovo annuale inversamente proporzionale ai KM effettuati ma quanti di voi hanno letto bene tutto? Al momento della polizza, se l’assicuratore capisce che non c’è trippa per gatti e la Unibox non la vogliamo mettere, se siamo un nuovo cliente applicherà la scontistica massima che è praticamente pari a quella che si applica con la Unibox e il prezzo è praticamente identico, anche inferiore. Perchè piuttosto che perdere un nuovo cliente, la smettono con la farsa del grosso sconto e vi fanno un preventivo classico con la massima scontistica. Ve lo dico perchè senza Unibox pagavo meno, parlo di qualche decina di euro, che con il nuovo contratto con Unibox. Questo è possibile perchè gli assicuratori, per politica aziendale imposta, devono spingere la scatola nera per convenienza dell’assicurazione stessa che si tutela sugli incidenti e sulle frodi, quindi ve la fanno passare come un grosso risparmio a vostro vantaggio, ma una volta capito che non ci fregano e che stiamo girando per preventivi, vi faranno comunque lo sconto massimo sulla polizza, come è successo a me!
Cosa importante da sapere è che per quello che riguarda lo sconto per l’anno successivo è sempre e solo sull’RCA e non sulle altre garanzie, ma non finisce qui perchè se al momento della polizza viene fatto uno sconto unibox del 36% come è successo a me e a tutti i miei familiari, il bonus maturato è sempre inferiore al 36% e quindi non ci sono vantaggi, infatti al rinnovo mi è stato presentato lo stesso conto dell’anno prima! Un gran bel gioco vero? direi di si.

Serve davvero? Quest’estate ho dovuto portate l’auto a visionare al perito per una liquidazione e gli ho detto molto francamente che la unibox non serve a nulla e che la maggior parte dei servizi funziona male, e gli avevo fatto presente che avevo ricevuto alcune segnalazioni di accensione dell’auto quando l’auto era sotto casa ferma.. volete sapere cosa mi ha risposto il perito? avreste dovuto vedere lal sua faccia, un sorriso enorme e mi risponde strafottente e sicuro di se: “La unibox serve a noi per vedere i dati in caso di incidente, mica a voi”. E sorrideva goduto. Beh certo, se abbiamo un incidente con ragione ma andiamo a 5 km/h in più c’è il concorso di colpa nell’incidente e l’assicurazione si fa un grosso sconto sulla liquidazione. Fossi un perito riderei anche io.. Al momento della stipulazione della polizza, avevo chiesto proprio questo al mio assicuratore e mi aveva detto che in caso di incidente nessuno va a guardare la velocità sul gps e questo non è vero perchè è successo ad un mio amico. L’assicurazione è gentile solo quando devi stipulare la polizza e non hai ancora pagato, poi si protegge in tutti i modi per non pagare, anche quando è in torto marcio, questo è assodato e chiunque lo sa. Nel prossimo articolo vi racconto come ho dovuto portare la Unipol davanti al giudice di pace per avere il rimborso dopo il furto dell’auto.

Consiglio la Unibox? Assolutamente NO! Anche la unibox che si monta all’interno dell’auto si toglie in meno di 1 minuto, quando ho portato l’auto per smontare l’unibox, la ragazza dell’officina ha tolto il pannellino dell’OBD2. tirato fuori la scatolina, la scollega, ricollega i fili e via. Poi resta una violazione della privacy che sarà utilizzata contro di voi in caso di incidente. Poi a livello di prezzo non cambia nulla è solo un gioco di sconti, se vi fate federe sicuri sul fatto che la unibox non la volete e portate uno o due preventivi auto della concorrenza, arrivate a scontistica massima senza mettere l’unibox, garantito, faccio sempre così.

Risposte